64enne mazarese in bicicletta investito mortalmente da automobilista minorenne

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
17 Maggio 2015 08:34
64enne mazarese in bicicletta investito mortalmente da automobilista minorenne

Incidente mortale avvenuto questa mattina intorno alle 6,15 sul lungomare Mazzini e causato probabilmente dall’alta velocità di un’auto condotta -da quanto appreso sul posto da numerosi cittadini accorsi- da un minorenne (quindi senza patente). La probabile dinamica dell'incidente mortale.

L’auto, una Fiat Punto di color amaranto, proveniva da piazzale Quinci e procedeva, a forte velocità, in direzione San Vito. Forse un colpo di sonno o lo stato di ebbrezza (saranno poi gli inquirenti stabilirlo), l’auto ha travolto nella sua marcia un anziano che stava facendo un giro in bicicletta procedendo nella stessa direzione.

La Fiat Punto avrebbe prima strisciato contro una Ford Ka posteggiata lungo il marciapiedi della passeggiata e poi ha investito l’uomo da dietro trascinandolo per parecchi metri schiantandolo su uno degli alberi, che è stato sradicato, dello stesso lungomare; la forza d’urto dell’auto ha divelto tre panchine di marmo ivi collocate, l’auto infine si è ribaltata (vedi foto n.1). La bicicletta dell’uomo è finita a più di 30 metri dal punto dell’impatto mortale (vedi foto n.2).

A rilevare l’incidente sono i Carabinieri della locale Compagnia mentre uomini della Polizia di Stato e Vigili Urbani hanno fermato il traffico per alcune ore prima del prelevamento del corpo dell’uomo accasciato privo di vita sul marciapiedi del lungomare; sul posto sono poi arrivati anche i vigili del fuoco.

Sul luogo dell’incidente sono arrivati i familiari dell’anziano, si tratta di un 64 enne mazarese, Antonino Serra. La sorella dell’uomo, non sposato, ha detto che il fratello "Nino" usciva a fare un giro in bicicletta quasi ogni mattina a quell'orario.

Del giovane alla guida dell’auto non si sa ancora niente, sarebbe rimasto però illeso. Forse il giovane avrebbe "preso in prestito" l'auto del padre e passato la nottata con amici e stava facendo ritorno a casa nella mattinata. Saranno gli inquirenti a stabilire la causa e le responsabilità dell’incidente mortale.

Francesco Mezzapelle

17-05-2015 10,15

{fshare}

In evidenza