Sabato nuovo sit-in di Orgoglio contro lo smantellamento dell'ospedale

Ieri è nata una bimba e sono partite anche le cullette termiche e l'Asp non risponde

Redazione Prima Pagina Mazara
Redazione Prima Pagina Mazara
06 Maggio 2021 09:19
Sabato nuovo sit-in di Orgoglio contro lo smantellamento dell'ospedale

Orgoglio Castelvetranese Belicino non molla la presa e ci tiene a tenere desta l’attenzione sulla problematica del ciclico smantellamento dei reparti dell’ospedale Vittorio Emanuele II di Castelvetrano. Per tale motivo ha organizzato per la giornata di sabato 8 Maggio,un nuovo sit-in. Alle ore 9 ci ritroveremo tutti i cittadini di buona volontà sotto l’Ospedale- afferma Francesco Saverio Calcara, presidente del comitato- per manifestare ancora una volta lo sdegno per quanto, in barba ad ogni assicurazione che le istituzioni locali hanno ricevuto, sta accadendo con il trasferimento di attrezzature e soprattutto l’assenza di ogni interlocuzione da parte dell’ASP rispetto alle proposte che abbiano formulato e agli impegni assunti. Cerchiamo di mobilitarci e di mobilitare in questa estrema azione a difesa della sanità belicina.”

Nella giornata di ieri vi avevamo raccontato della nascita di una bambina, nonostante il reparto fosse stato smantellato, grazie alla bravura di medici e personale, alcuni anche su base volontaria, che si sono spesi per far nascere una nuova vita. Potrete leggere il racconto a questo link: https://www.primapaginacastelvetrano.it/il-miracolo-della-vita-torna-a-toccare-castelvetrano-allalba-nata-una-bimba.

Ed intanto come potete vedere dalle foto anche le cullette termiche sono state portate via in direzione Mazara del Vallo.

Avevamo chiesto una replica al commissario straordinario dell’Asp, Paolo Zappalà, ma da 24 ore ancora l’attendiamo.

“Vorremmo che tanti cittadini belicini fossero con noi a protestare verso un’ingiustizia che ferisce profondamente il nostro diritto alla salute- afferma Franco Messina- in special modo tutte le mamme, sotto il nostro ospedale per difendere il diritto di nascere nella nostra città.”

Foto gallery
In evidenza