Manchette Tippi

Manchette Tippi

Mazara, lettera aperta di un genitore all’Assessore alla pubblica istruzione Adele Spagnolo

valutazione alunni bonsignore scuolaAll’avvio del nuovo anno scolastico, la già precaria situazione economica della Scuola B. Bonsignore, che consta di diversi plessi adibiti a scuola dell’infanzia e primaria, è diventata insostenibile.


L’istituto, che accoglie più di 1000 persone, tra alunni e personale scolastico, non è più in grado di sopperire al fabbisogno che il funzionamento della scuola stessa richiede, senza l’esiguo contributo per la manutenzione ordinaria e le spese di funzionamento, che l’amministrazione comunale che lei rappresenta ha improvvisamente deciso di sospendere con Delibera n. 95 del 24.06.2016 a partire dal 1° Luglio 2016.

Nell’ultimo consiglio di istituto che io stessa rappresento, del 03/10 c.a., si è rilevato che il fondo cassa per il funzionamento della scuola ammonta a poco più di 10 €…si è pertanto ipotizzato l’eventuale richiesta di un contributo “volontario” alle famiglie degli alunni per sopperire alla mancanza dei fondi per l’acquisto del materiale necessario.
Nonostante gli sforzi che la dirigenza ha effettuato per ridurre al minimo le spese ove possibile, (dematerializzazione dei documenti cartacei, ecc), nonostante le famiglie siano già avvezze a contribuire fornendo materiale didattico e igienico sanitario alle classi frequentate dai propri figli, trovo sia mortificante che una scuola dell’obbligo definita “pubblica” debba elemosinare anche un contributo economico ai genitori e che non servirebbe a finanziare attività aggiuntive, bensì a sopperire alla carenza di fondi per le spese ordinarie, che sono di competenza comunale e che l’Amministrazione, per qualsivoglia motivo, si rifiuti di provvedere a ciò.

Trovo ancor più intollerabile che ci si trovi a dover dire a chi voleva donare alla scuola un defribillatore per la palestra che avremmo preferito invece materiale per la pulizia dell'edificio!

Trovo veramente inammissibile che, per il risparmio della carta, ci si ritrovi costretti a consegnare ai bambini una scheda di valutazione di appena 2 centimetri. (in foto)
Di fatto la scuola pubblica gratuita non esiste più…
Il nostro istituto necessità di appena circa 4000,00 all’anno per il funzionamento della scuola (acquisto di direttiva comune spese gesione scuolamateriale di cancelleria, toner, prodotti per la pulizia e l’igiene dell’edificio, software, ecc) e tutto ciò che è necessario per mantenere efficiente l’apparato scolastico, e non credo si tratti di una cifra inaccessibile per un’amministrazione che si vanta di aver trasformato Mazara in una “Capitale del Mediterraneo”!
Mi chiedo come mai di punto in bianco si sia deciso di abolire il contributo alle scuole, mettendo di fatto in difficoltà tutti gli istituti scolastici.
Mi chiedo come mai sia data così poca importanza all’istruzione dei nostri figli!
Mi chiedo come mai la sua persona, in qualità di assessore all’istruzione non abbia posto in essere nessun intervento in merito ad una questione di così fondamentale importanza…
Mi chiedo come possa un servizio, tanto necessario ed indispensabile ai bambini e alle famiglie, essere sminuito e non sostenuto dalla nostra amministrazione comunale!
Certa che possa far valere il suo ruolo di Assessore all’istruzione e auspicando che il problema possa risolversi nella maniera più consona, resto e restiamo in attesa di un Suo solerte riscontro.
Semplicemente un genitore,
A. La Grutta

Comunicato stampa
5/9/2017

Condividi

Articoli In Evidenza

Free Joomla 2.5 Extensions Joomla module Joomla Plugin