Manchette Tippi

Manchette Tippi

Mazara, il 26 ottobre Denise Pipitone compirà 17 anni. Nessuno utilizzi per fini elettorali questa triste vicenda senza giustizia e verità dopo 13 anni.

CasaDenise Pipitone compleannoIl prossimo 26 ottobre la piccola Denise Pipitone, strappata all’affetto dei suoi cari il primo settembre 2004, compirà 17 anni. Sarà ancora una ricorrenza tristissima per la madre Piera Maggio e per Piero Pulizzi, padre naturale di Denise, che in questi anni, assistiti dal loro legale Giacomo Frazzitta, non hanno perso la speranza sia di ritrovare la loro piccola, sicuramente rapita, 13 anni fa, davanti quasi la porta di casa, in via Domenico La Bruna, che di avere un po’ di giustizia.

Ancora ignoti i suoi sequestratori, perché è chiaro che la bimba fu sequestrata e certamente per qualche motivo per il quale la stessa era ovviamente innocente. Jessica Pulizzi, sorellastra all’epoca dei fatti diciassettenne, finì sotto accusa per il rapimento della bimba. Ma la giovane, oggi 30enne, è stata prosciolta dall’accusa nei diversi gradi della giustizia civile per "l’assenza di indizi e prove certe". Secondo la Cassazione, recente sentenza, non c’erano infatti elementi per dimostrare “che nei 15 minuti indicati come orario del possibile rapimento Jessica lo abbia compiuto”.

Sono in molti, e non solo i più stretti familiari di Denise Pipitone, a pensare che in quelle prime ore dalla scomparsa della piccola non si siano fatti passi nella giusta direzione per il ritrovamento della piccola. Le prime ore della scomparsa sarebbero state cruciali per l’esito delle ricerche e per le indagini; ci sarebbero dei vuoti nell’indagine che avrebbero compromesso la possibilità di risalire ai colpevoli di questa complessa vicenda.

Proprio qualche giorno fa però si è aperto improvvisamente un nuovo canale di indagini grazie ad una fonte anonima che ha consentito agli inquirenti di trovare frammenti di impronta. I nuovi accertamenti, chiesti dall'avvocato Giacomo Frazzitta e da Piera Maggio, madre di Denise, sono scattati infatti dalla segnalazione legata alle impronte, fatta dall'inviata di Mattino Cinque Agnese Virgillitto. Tali impronte, rilevate dagli investagatori in vari luoghi e su diverse auto, saranno sottoposte a un esame per la ricerca del Dna. Ma perché soltanto adesso a distanza di 13 anni?

Stando a quello che sono i fatti reali aldilà dei processi ecc.. chi ha rapito Denise, non viene da lontano. Difficilmente un estraneo qualunque rapisce una bambina sconosciuta, in una periferia qualsiasi di Mazara del Vallo. Coloro che hanno rapito Denise Pipitone, sapevano benissimo chi era e cosa facevano. L'omertà regna inesorabile su tutta questa triste storia.

In questi anni la mamma della piccola Denise non si è fermata mai e ha sempre cercato di tenere viva l’attenzione sulle ricerche della piccola. Ha anche creato un sito - www.cerchiamodenise.it - in cui ci sono canzoncine cantante dalla bambina, messaggi per la figlia e recapiti per fornire informazioni. (in copertina una foto scattata oggi davanti la casa di Denise Pipitone). 

Ritornando al prossimo 26 ottobre, quando Denise Pipitone compirà 17 anni, auspichiamo che le Istituzioni si ricordino, volontariamente, di questa giornata e che facciano sentire, anche concretamente, la vicinanza a Piera Maggio e Piero Pulizzi che con mille sacrifici, soprattutto economici, tentano di mantenere viva la speranza di ritrovare la propria piccola e di avere giustizia.

Infine rivolgiamo un appello (lo lanciamo in tempi non sospetti, cioè ad una decina di giorni dal 26 ottobre) anche per quei politici, e loro sostenitori e amici, che in questo momento sono impegnati in campagna elettorale per le prossime Regionali del 5 novembre: vi preghiamo di non strumentalizzare la vicenda di Denise Pipitone per fini elettorali, sarebbe ignobile e scorretto. Meglio mettere le mani avanti, di questi tempi è tutto possibile…

Francesco Mezzapelle

17-10-2017 10,00

Condividi

Articoli Correlati

Articoli In Evidenza

Free Joomla 2.5 Extensions Joomla module Joomla Plugin